Intervista Dott. Silvio Antonio Marino – Patologie del seno: facciamo prevenzione

Intervista Dott. Silvio Antonio MARINO – Patologie del seno: Facciamo prevenzione!
A seguito dell’intervista troverai la promozione attiva per il mese di Marzo 2018 per la prevenzione delle patologie del seno.

 

Qual è la patologia del seno più frequente?

Sicuramente il tumore al seno, cioè il cancro della mammella, è la neoplasia maligna più frequente. Questo tumore colpisce una donna ogni otto già dai 30 anni di età e rappresenta il 25% di tutti i tumori che colpiscono le donne. Per quanto riguarda invece le donne più giovani, tra i 20 e i 30 anni, le patologie più frequenti sono quelle benigne. Si tratta in particolare di fibroadenoma e displasie fibrocistiche, che presentano come sintomi ricorrenti: senso di tensione al seno, dolore alla mammella e comparsa di noduli che possono essere “sentiti” con la mano.

In merito al tumore al seno abbiamo diversi fattori di rischio da tenere in considerazione. Il primo di questi è l’età, circa l’80% dei casi infatti colpisce donne sopra ai 50 anni, abbiamo poi la familiarità, per cui circa il 10% dei tumori si verifica in donne con familiari stretti colpiti, e l’esposizione agli estrogeni sia in modo naturale sia assunti farmacologicamente. Bisogna anche ricordare che l’obesità, il fumo e l’eccessivo consumo di bevande alcoliche sembrano fortemente correlati con un maggiore rischio di contrarre il tumore.

 

A che età conviene iniziare a svolgere visite senologiche ed ecografie mammarie?

Come conseguenza di quanto detto, è opportuno cominciare a fare controlli al seno dai 25-30 anni massimo, al fine di poter diagnosticare precocemente un eventuale carcinoma e fare una diagnosi differenziale tra tumori benigni della giovane età e tra tumori che potrebbero insorgere in età più avanzata.

La diagnosi precoce rappresenta l’arma più efficace contro il tumore al seno, poiché permette non solo maggiori possibilità di cura, ma anche di attuare interventi meno aggressivi e di assicurare una migliore qualità di vita alle pazienti. Ricordiamo infatti che, facendo una diagnosi al I stadio, si ha più del 90% di probabilità di guarigione.

 

C’è uno stile di vita che permette di diminuire il rischio di contrarre patologie del seno?

Oltre alla cura, è importante prevenire queste patologie. Non possiamo certamente modificare fattori di rischio come la genetica, ma è possibile correggere e migliorare il nostro stile di vita.

Innanzitutto occorre seguire una dieta con un apporto elevato di fitoestrogeni (cioè ormoni vegetali contenuti principalmente nella soia e nei suoi derivati ma anche in alghe, semi di lino, cavolo, legumi, frutti di bosco e cereali integrali) e di fibre, prediligendo quindi frutta e verdura ma in particolar modo le crucifere (come ad esempio rape, rucola, cavolfiore, cavolo, ravanelli). Si consiglia di consumare meno proteine animali, preferendo tra queste il pesce, e di contenere il consumo di zuccheri raffinati.
Oltre ad una dieta equilibrata è bene svolgere attività fisica, per combattere la responsabile di tante patologie: la sindrome metabolica, una malattia che combina sovrappeso, ipertensione arteriosa e glicemia o colesterolo elevato. Anche allattare al seno sembra avere un’azione preventiva, come non fumare e non consumare alcolici.

 

Per prevenire queste patologie, MediPrò Sanità propone una tariffa agevolata per visita ed ecografia senologica, valida su prenotazione, per tutti i Lunedì di Marzo 2018.

Richiedi ulteriori informazioni: 051454685 – info@medipro.it