Russare non è solo un problema per il partner…

Il rumore respiratorio nel sonno chiamato russamento si manifesta con diversi gradi di gravità. Dal semplice rumore notturno dovuto alla vibrazione del palato e della faringe fino alla sindrome delle apnee ostruttive conclamata, definita da un numero variabile di episodi di occlusione delle vie aeree superiori durante il sonno. Più è alto il numero di apnee notturne più è possibile che il soggetto vada incontro nel tempo a complicanze che interessano il sistema cardiopolmonare e a diversi effetti patologici provocati dalla alterazione della struttura del sonno. La sola sonnolenza diurna, che caratterizza il paziente apnoico, può portare a gravi conseguenze dovute a colpi di sonno durante la guida. E’ importante quindi che il paziente russatore  si rivolga a un medico esperto di disturbi respiratori nel sonno. Lo specialista potrà ottenere una diagnosi corretta avvalendosi della registrazione notturna, anche domiciliare, di vari parametri fisiologici eseguita con uno specifica apparecchio. Sulla base del risultato strumentale si imposterà l’adeguata terapia che attualmente spazia dall’ausilio respiratorio notturno alla chirurgia della faringe, all’impiego di dispositivi orali dentistici a diverse altre metodiche.